Era solo questione di tempo e stavolta sembra proprio che ci siamo: Google abbraccia appieno la semantica, la personalizzazione delle ricerche, l’interpretazione olistica delle richieste. Content is not King, Context is new King. Il contesto si prende la scena, le parole chiave conteranno sempre meno.